coexistIMG_20160508_053524.jpg

Un mondo senza confini , sarebbe un mondo molto più cruento e violento di quello attuale.
Grazie ai confini , si riesce a coabitare su questo pianeta , potendo applicare le proprie regole in base alle proprie esigenze , in maniera indipendente gli uni dagli altri.
Un maxistato , con una capitale fisicamente e sentimentalmente lontana , sarebbe “una nazione” incapace di gestire le piccole peculiarità territoriali.
I maxi imperi della storia sono crollati, si sono sbriciolati, anche perchè non si può obbligare a tenere insieme con la forza popoli meravigliosamente diversi.
Non si possono cancellare tradizioni e retaggi secolari, come si cancella una frontiera.
La più atavica delle spartizioni territoriali è la classica linea tirata in terra fra due bambini che per non continuare a litigare, arrivano ad un negoziato: “Ciò che sta aldilà è tuo , io non lo tocco senza prima chiedere il tuo permesso, da quella parte si fa come dici tu …. aldiquà quando vuoi venire , lo devi fare rispettando le mie condizioni e le mie regole“. Quindi invece di lottare all’interno di un un unico maxi territorio (di tutti , ma di nessuno) , in cui sarebbe guerra perenne per far prevalere una regola o un’altra su tutto quanto e tutti quanti, ognuno gestisce il proprio spazio e la propria LIBERTA’.
Rispettando il principio di autodeterminazione dei popoli, ogni territorio può avere leggi e risorse destinate alle proprie esigenze, e ogni popolo può continuare a vivere come gli aggrada, senza doversi omologare a leggi che competono problematiche legate ad aree molto distanti.

OGNI TERRA HA IL SUO POPOLO , E OGNI POPOLO HA LA SUA TERRA!

Annunci