giustiIMG_20160318_072024.jpg

Leggendo commenti in giro per i social, noto che spesso si danno per scontate delle cose nei confronti di chi vorrebbe un contrasto maggiore all’immigrazione, che sono inesatte e andrebbero esplicitate:

– Innanzi tutto, non si sta facendo di tutta l’erba un fascio poichè non TUTTI gli stranieri sono delinquenti; però dato che una considerevole parte lo è (come ne esistono anche di Italiani), dovremmo fare più selezione alle frontiere.
– Ci sono anche stranieri onesti, ma giunti al lassismo nostrano (creato dall’incuria di governi attuali e precedenti) non ci possiamo più permettere il lusso di accogliere chiunque senza alcuna garanzia; questo significa che non possiamo più rischiare di accogliere stranieri onesti con la possibilità che fra loro si insinuino anche dei criminali.
– Se in Italia qualcuno commette un crimine, indipendentemente dalla nazionalità, va punito! Quindi nessun Italiano è legittimato a delinquere, e i suoi crimini non sono “piacevoli”, chiunque deve pagare la propria pena senza sconti, e deve avere paura del carcere!
– Gli Italiani commettono crimini anche loro, ed è un buon motivo per cui non ha senso che un problema endemico (in aggiunta a quello di mafia e simili) debba essere aggravato con l’importazione di delinquenza estera.
– Se anche gli Italiani all’estero si comportano male, questo non da il diritto a nessun’altro di venire da noi a fare danni.

Quindi esigere una immigrazione più controllata (per numero massimo, provenienza, e per qualifica) non equivale a considerare TUTTI gli stranieri come criminali, ma li si scelgono in base al merito e in base all’effettivo posto disponibile rimasto che c’è nel nostro paese, oramai alla saturazione.

Annunci